Iscriviti
Garden Club

Aprile 2018 Tolosa e le sue belle chiese indietro

Aprile 2018                                                                           Tolosa e le sue belle chiese

 

Il viaggio è una specie di porta attraverso la quale si esce dalla realtà come per penetrare in una realtà inesplorata che sembra un sogno.

                                                           (Guy de Maupassant)


Tolosa è centro culturale dell'Occitania.
Attraversata dalla Garonna, dista un centinaio di chilometri dai Pirenei spagnoli. Quarta città più popolosa del Paese dopo Parigi, Marsiglia e Lione, viene chiamata la città rosa per il colore dominante degli edifici antichi .
Altamente consigliata la visita alla basilica romanica di Saint Sernin (S.Saturnino), iscritta a pieno titolo nel novero delle chiese più importanti di Francia.
Costruita intorno all’XI^ secolo sulla tomba di Saturnino martire, di cui conserva le spoglie, è oggetto di un culto assiduo stante la collocazione, per così dire, strategica poco discosto dal cammino verso Santiago di Compostela.
Meta ideale per una deliziosa passeggiata si offre invece il Giardino delle Piante, esteso per sette ettari a sud ovest del centro.
Il cuore di Tolosa resta comunque Place du Capitole, in italico idioma semplicemente il Capitolo .
Decorata al centro da una croce occitana, la piazza rimarca il suo esser stata la capitale di una regione linguistica inclusiva di gran parte della Francia meridionale e di alcune zone spagnole ed italiane.
Di fronte al Municipio le arcate ospitano bar e ristoranti con tavolini all’aria aperta.
Si alza il capo e scorre una successione di moderni affreschi colorati, una narrazione delle vicissitudini della città.
Poco distante, l’Ensemble conventuale dei Giacobini, un gioiello di arte gotica in tema di edifici monastici del XIII e XIV secolo, con chiostro, sala capitolare, refettorio e una piccola cappella .
Chiesa di mistica eleganza, aggraziata e solida nelle colonne leggere ,quasi palme le nervature colorate, due sole navate come in origine le prime chiese domenicane.
Aver conservato tali caratteristiche rappresenta una vera rarità!
Suggestiva la volta: le costolonature che sembrano fiorire dal pilastro centrale disegnano la figura di una palma.
Apprezzabile il chiostro, a tutt’oggi curatissimo: un porticato di colonne e capitelli in marmo accompagna quel farsi silenzio interiore suscitato dal contatto con questo luogo.
Contigua la cattedrale di S.Etienne (S.Stefano), due facciate e due entrate, talmente diverse l’una dall’altra da far dubitare se trattarsi del medesimo edificio.
Principale luogo di culto cattolico di Tolosa, nel dipartimento dell'Alta Garonna, sede del vescovato, monumento storico di Francia dal 1862,ricostruito in gran parte in stile gotico, alloggia un coro gotico di mirabile bellezza, a tre navate.
Completo la giornata tolosana con uno sbircio al verde del giardino giapponese, ispirato ai giardini di Kyoto, affascinante per l’equilibrio e la serenità che è in grado di trasmettere.
Un avviso a chi in futuro sentirà il desiderio di visitare Tolosa: è città attraversata spesso da un vento imperioso e le autorità locali mirando ad una maggiore sicurezza di persone e cose possono disporre anche la chiusura di luoghi oggetto di visitazione turistica. 

Rita Farneti
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Scoprile

Martedì,1 Ottobre 2019

ABOCA - La buona salute

Martedì 1 ottobre alle ore 17.00 presso la Casa Matha, ABOCA e GARDEN CLUB RAVENNA presentano il libro del prof.Pier Luigi Rossi "La buona salute (Il giusto cibo per un corpo nuovo)"

Leggi