Iscriviti
Garden Club

31 Dicembre 2016-inquestoannochefinisce indietro

31 Dicembre 2016                                                                                                      Inquestoannochefinisce

 

Mi ricordo ancora quell’orizzonte ampio e senza punti di riferimento, in cui solo il sole faceva da
limite all’infinito. In quel momento capii che ciò che conta di fronte a tanta libertà del mare non è avere
una nave, ma un posto dove andare, un porto, un sogno, che valga tutta quell’acqua da attraversare.

                                                                                      (Alessandro D’Avenia)

 

Ci sono molte cose in questo anno che s’avvia a darci il commiato: separazioni da ciò che più non sarà, ma anche
attesa di ciò che potrà essere, bilanci che usualmente si fanno, accompagnati dall’inevitabile ripromettersi di…,
un andare sul quale ci si interroga se sia giusto procedere o, piuttosto, stare, magari per preservare ulteriormente
ciò che si teme di perdere e da cui, in alcun modo, si tollera l’abbandono.
Nei Tre Diari, libro scritto a sei mani da Bergman, dalla moglie e dalla figlia, si narra di abbandoni impossibili, di
creature ossificate che, più forti di corazze, dovrebbero proteggere da dolore e sofferenza.
Pur sintetico e scritto a mo’ di cronaca, è un libro molto suggestivo, uno di quei libri che ti portano a guardare prima
di trovare le parole giuste per dire.
In questo dicembre che nel tepore dei suoi inizi sembrerebbe farci coltivare l’illusione di essere a nostra volta protetti
da un freddo futuro, polare ed impopolare, è ancora piacevole camminare sulla battigia.
Se da una parte ci si accora per la nostra spiaggia, così invasa ed imbruttita, dall’altra, posseduti nello sguardo
da oggetti del quotidiano, archeologie ed al tempo stesso reperti di nostra dissennata semina, possiamo vagare
fra fantasticherie e bizzarre associazioni, giochi della mente che ci fanno allungare lo sguardo ad un oltre.
Legni macerati dalla acqua di mare, buttati sulla riva come pensieri sparsi il cui senso si trova quasi per caso,
in sembianze di strane creature, lì per lì rivissute e poi perdute nel gesto della fantasia.

Rita Farneti
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Scoprile

Giovedì,13 Dicembre 2018

Francesca Benzoni e il Natale 2018

Alle ore 15.00 presso il Garden “MondoVerde” (centro le Ghiaine),S.S.Adriatica 180- Cervia, nuovo incontro con Francesca Benzoni, esperta di piante e giardini, sui temi del giardinaggio legati alla stagione invernale e ai decori natalizi.

Leggi