Iscriviti
Garden Club

Gita in Friuli indietro

Gita in Friuli 15 - 16 e 17 maggio                               di Carla Contessi     

foto di Lelio Suprani e Guido Pirelli - collaborazione di Alessandro Pirelli


Durante la gita in Friuli, abbiamo avuto occasione di visitare luoghi e monumenti della nostra bell'Italia,
per la maggior parte di noi completamente sconosciuti.

Primo giorno

La prima tappa è a Sesto al Reghena per visitare l'abbazia di Santa Maria in Sylvis.
La prima chiesa costruita in epoca longobarda e distrutta dagli Ungari, venne ricostruita, con annessa abbazia,
dai Benedettini. Completamente affrescata, nel vestibolo si osservano due grandi scene dantesche:
a destra il Paradiso, con molti personaggi riconoscibili e, a sinistra, molto deteriorato, perché esposto a Nord,
l'Inferno. La chiesa è costruita su tre piani: la basilica sul piano terreno, il presbiterio completamente coperto da un
notevole ciclo di affreschi di scuola giottesca rappresentanti scene della vita di Maria e la cripta, dove è conservata
un'urna scolpita contenente alcune reliquie di Santa Anastasia, il bassorilievo di una Annunciazione e
una Pietà di origine germanica.
Purtroppo, un grosso furto di opere d'arte ha privato l'abbazia di molti suoi capolavori: affreschi staccati e sculture.

 

               
       
             
       

 

 

 

 
 
 
 
 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Dopo il pranzo

ci spostiamo a Cordovado, dove, divisi in due gruppi e accompagnati dai proprietari, visitiamo il piano terra del palazzo, edificato sulle fondamenta dell'antico castello e il bellissimo parco che lo circonda.

 

 
 
Chiara Piccolomini
un altro fratello Piccolomini
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


























 

 

 

 

 

 

 

 



 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Successivamente ci portiamo a San Vito al Tagliamento. Nonostante una leggera pioggia, riusciamo a visitare parte di San Vito, dove un ottimo restauro ha recuperato edifici pubblici: la loggia, un tempo sede del mercato, poi utilizzata da privati e ora tornata al pubblico e un graziosissimo teatro da 180 posti, completamente ricostruito in stile veneziano. Poi visitiamo il castello con i suoi affreschi interni ed esterni e la chiesa dei "Battuti": una congregazione penitenziale che ospitava i pellegrini con foresteria e un ospedale.

 

 

 

 

 
 
 

  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Secondo giorno

Oggi è una splendida giornata. A Fraforeano, la signora Ciccinella Kechler ci accompagna e ci illustra il suo parco all'inglese, che si estende su una superficie di quasi 3 ettari, ricco di molti alberi centenari, tanti esotici e meravigliosi.

 
 

 

 

 

 

 

 

 
 
 
 
 
 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


A Flambruzzo, ci accoglie il proprietario, nipote del generale Badoglio, che ci illustra il piano di rappresentanza della sua casa castello, ci racconta la storia del nonno generale e ci accompagna nel bellissimo parco.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


A Palmanova la guida ci parla della costruzione (1583-1682) e della funzione della città fortificata a forma di stella a 9 punte, costruita dai veneziani, con i suoi terrapieni, i rivellini e le lunette aggiunte da Napoleone.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  


Infine, all'abbazia di Rosazzo, visitiamo la chiesa, il capitolo e la collezione di rose fra le quali la "rosa di Rosazzo" che in loco si era estinta in seguito a un inverno particolarmente rigido (1929) e fu ritrovata, presso degli emigrati in Francia, che l'avevano portata con loro.

 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 rosa di Rosazzo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Terzo giorno

Ad Artegna: rose, rose, rose! Botaniche, antiche, rifiorenti, rampicanti, profumate, vellutate, bianche, colorate, in boccio o spampanate, sempre regine dei fiori. Valentino ci accoglie, Eleonora ci accompagna nel suo roseto, nominando le rose una ad una. Nell'anniversario dei 30 anni del loro matrimonio, lui le regalò 30 piante di rose, una per ogni anno. Di lì cominciò la loro collezione che ora conta circa 1800 piante. All'interno del roseto, si trova il cerchio dei noccioli (piante che già si trovavano nel luogo quando loro acquistarono il terreno). Un'antica tradizione celtica dice che attaccando ai rami dei noccioli un biglietto, con espressi dei desideri, questi si avverano.

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 Eleonora Garlant
 
 
 
 
 
 Cornus Kousa Chinensis
 
 
 
 
 
 
 
 
 Valentino Fabiani
 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Dopo il pranzo ad Artegna, seguendo il suggerimento di un amico di Ravenna sposato con una friulana originaria di questo paese, andiamo a Venzone, dove il Duomo, dopo il crollo causato dal terremoto del '76, è stato ricostruito secondo la tecnica dell'anastilo, cioè numerando ogni pietra e ricollocandola al suo posto. A Venzone sono anche visibili 5 delle numerose mummie, ritrovate sepolte nel Duomo, dove una particolare muffa ha impedito la decomposizione delle salme, mummificandole.

 

 
 

 

 

 

 

 

 
 
 famosa la lavanda di Venzone.....
 
 
 
 
 
 
 

 

I

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Friuli (la romana Forum Iulii) è una piccola regione autonoma, dove in pochi chilometri si passa dalla montagna alla collina ricca di vigneti, alla pianura e infine al mare. È una terra di confine, di terremoti, di risorgive e di gente cordiale, intraprendente e laboriosa. Per molti di noi è stata una piacevole sorpresa, ci riproponiamo di tornarci.

 

Scoprile

Martedì,31 Marzo 2020

Buone Feste

I nostri migliori auguri di Buone Feste e di un Sereno 2020

Leggi