Iscriviti
Garden Club

Sguardi sulla valle O.Guerrini indietro

OSIRIDE GUERRINI ci ha guidato nelle zone umide a nord di Ravenna attraverso un percorso tra "spazio e tempo della memoria".
Sono zone con acque dolci sottratte alle bonifiche per colmata e per idrovora vicino alle pinete litoranee ed alle acque salmastre della piallassa Baiona, ambienti di grande fascino, paesaggi unici per la varietà e la quantità dell'avifauna che lì transita. Osiride è infatti un'appassionata studiosa di storia locale; nelle sue numerose pubblicazioni dopo la laurea in Lettere, ha ricostruito attraverso un'accurata analisi cartografica, l'evoluzione di un territorio mutevole e ha descritto usi e costumi della popolazione con l'attenzione e la precisione dello storico.
Dei suoi lavori ricordiamo : "Giochi nella valle", "Scuola nautica", i numerosi Quaderni del territorio, "Ravenna nel secolo XIII, Storia e vita di un Comune Medievale"; essi raccontano una città fra acque e terre con fiumi che spagliano nei vari acquitrini, corrono liberi verso il mare, costituendo nel tempo lunghi cordoni litoranei.
Nel suo ultimo lavoro "Aqua e Tera, Tera e Aqua" descrive gli ambienti vallivi tra Panaro e Lamone attraverso le testimonianze degli anziani del luogo: un mondo perduto e nonostante le difficoltà ricordato con nostalgia.
Osiride scrive: parlare di fiumi è servito a ritrovare l'argine del Lamone; per me bimba del Santerno, era un limite alla libertà di movimento ma non del pensiero, che andava oltre, che correva a superare barriere fisiche e mentali.
Nelle sue parole sempre traspare l'importanza delle proprie radici.
Nella sua attenta descrizione della flora e della fauna della piallassa Baiona ha inserito anche gli importanti eventi storici lì avvenuti, legati al Risorgimento e alla Resistenza.
Osiride ha infine evidenziato la necessità di difendere dal degrado e di tutelare questo patrimonio naturalistico.
La videoproiezione di PRIMO ZAMBRINI ne ha esaltato la bellezza e messo in luce l'importanza di ampliarne la conoscenza.
 

Queste le immagini (la maggior parte scattate da Claudio Montanari) che  Osiride Guerrini ha proiettato durante la sua conferenza:

    

 
 
 
 

 Territorio ravennate II sec. d.C.

 

 

Valli interne del XIV sec.

 

 
 
 

Il golfo tra il Porto di Primaro e la cuspide deltizia di Punta Marina, dove oggi si sviluppano le pialasse ravennati, come appariva nella carta del 1645 di Bartolomeo Gnoli (immagine tratta da Bondesan, 1990).

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 

 Bassa del Pirottolo

 

 
 
 

Su cartografia attuale i vecchi punti di imbarco della cassa

 

 

Tre foto, metafora della trasformazione del paesaggio: seconda

 

 
 

 Cavaglioni

 

 

 Il gioco della serraiola con inganno finale

 

 

 Barca e botte all’asciutto

 

 
 
 
 
 

 Valle della canna

 

 
 
 
 
 

 Bardello

 

 

 Punte Alberete

 

 
 
 

 Isola degli Spinaroni

 

 

 Casa dei Forlivesi

 

 
 
 
 
 
 
 

 Il Reno a Volta Scirocco

 

 
 

 I cigni che di Padusa nei pescosi stagni volano rauchi … (Virgilio)

 

 

 Il territorio ravennate nell’età antica

 

 

 Ricostruzione di Ravenna antica secondo Coronelli

 

 

Particolare carta del territorio di Ravenna (Coronelli XVII sec.)

 

 

Zone umide

 

 

Carta idrologica della Pialassa Baiona (aggiornata al 2001)   Canali e chiari

 

 
 
 
 
 
 
 
 

Cassa di colmata 1892

 

 

Cassa di Colmata, 1950

 

 

Tre foto, metafora della trasformazione del paesaggio: prima

 

 

Tre foto, metafora della trasformazione del paesaggio: terza

 

 
 
 

 Bolaga per le anguille

 

 
 
 

 Postazioni in tinella

 

 
 
 

 Ricordi “sulla carta” di Furmajin, vallarolo nella Cassa

 

 
 
 
 
 

 Bardello

 

 

 Prateria allagata

 

 
 
 

 Anita Garibaldi

 

 

 Partigiani all’isola degli Spinaroni

 

 
 
 
 

 
 
 
 
 

Gavana, casa di guardia e la verdeggiante penisola di Boscoforte

 

 
 Lavorieri in grisole e legno nelle valli di Comacchio

 

 

 

 

 

 

 


 

 




 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Scoprile

Martedì,31 Marzo 2020

Buone Feste

I nostri migliori auguri di Buone Feste e di un Sereno 2020

Leggi